Skip to content

Pappe pronte e creme ai cereali: per bambini, ma non solo

Alimenti che completano la dieta del neonato e, in alcuni casi, integrano quella dell'adulto

biobimbo

Le pappe pronte e le creme ai cereali per bambini sono alimenti molto importanti nel quadro alimentare di un neonato (da 0 a 3 anni), utili al processo di svezzamento del bambino che impara a scoprire sapori nuovi e al contempo fa il pieno di tutte le energie necessarie alla sua crescita, per esempio da quando inizia a stare seduto e comincia a gattonare.

La crema di avena, la crema di farro, la crema di riso e di altri cereali sono notevoli fonti energetiche per i bimbi perché ricche di carboidrati complessi, sali minerali, ferro, vitamine del gruppo B (B1, B6, B3), che aiutano a utilizzare al meglio l’energia degli alimenti. Facilmente digeribili, in commercio si possono trovare con o senza glutine: meglio somministrare al piccino quelle senza glutine in una prima fase, ovvero fino ai 6 mesi, per passare a quelle con glutine dai 6 mesi in poi.

Sentito il parere del pediatra, dal 4° mese compiuto le creme ai cereali possono essere aggiunte al biberon, ma non solo al latte. Le creme di avena, farro o riso sono ottime da mescolare al brodino di carne o di verdure, insieme a frullati o passati vegetali, nello yogurt e nei succhi di frutta. Prendiamo la crema di riso, per esempio, che può essere utilizzata sia a pranzo/cena sia a merenda, come dolce goloso e leggero per il piccino.

La crema di riso infatti si sposa molto bene con verdure lessate o cotte al vapore e poi frullate, da integrare alla crema miscelata al brodo caldo. Zucca, carote, zucchine con patate, finocchio,…: tante le variazioni sul tema di una crema di riso, altamente digeribile e assimilabile dall’organismo. Solo dei bambini? Non proprio. Le creme ai cereali sono spesso utilizzate nell’alimentazione degli adulti in condizioni particolari: anziani, gestanti, convalescenti o soggetti ad alcune patologie dell’apparato intestinale e deglutitorio.

Tags: , , , , ,

Commenti

Le risposte dei nostri lettori.

Non ci sono commenti.

Aggiungi un commento

Scrivici per dirci cosa pensi dell'articolo.

Immagine CAPTCHA
*