Skip to content

L’olio extravergine di oliva nella dieta del bambino

Olio-oliva-biscotti

L’olio extravergine di oliva e il latte materno sono considerati simili per le loro proprietà. Entrambi, infatti, presentano una composizione analoga di acidi grassi essenziali e un’identica percentuale di grasso linoleico (Omega-6), elemento insostituibile per la mielinizzazione delle fibre nervose e per lo sviluppo cerebrale.

L’origine

L’olio extravergine di oliva si ricava dalla spremitura a freddo dell’intera oliva. Questo processo permette di preservare tutte le proprietà benefiche del frutto, tanto importanti per lo sviluppo ed il benessere dell’organismo.

Proprietà

L’olio extravergine di oliva contiene vitamine ed elementi essenziali per la crescita e lo sviluppo di ogni essere umano:

  • Acidi grassi polinsaturi Omega-3 (linolenico) e Omega-6 (linoleico), che offrono protezione dalle malattie cardiovascolari: grazie alla loro azione contrastante contribuiscono alla diminuzione del colesterolo “cattivo” LDL ma non intaccano il colesterolo “buono” HDL. Omega-3 ed Omega-6 non vengono sintetizzate dal nostro organismo e devono pertanto essere assunte dall’esterno
  • Vitamina D, importante nella crescita per la sua funzione di regolazione di calcio e fosforo nel metabolismo e perché favorisce l’assunzione di minerali durante il processo di ossificazione
  •  Vitamina E, essenziale per una crescita regolare e per la formazione dei globuli rossi
  •  Vitamina A, protagonista dello sviluppo del sistema immunitario e dell’apparato scheletrico.

L’olio extravergine di oliva nella dieta

L’olio extra vergine di oliva è digeribile e aiuta la funzione gastrica ed intestinale. Riduce l’esposizione alle malattie infiammatorie e ai disturbi epatici.

Non contiene colesterolo. Un problema costante tra gli adolescenti è costituito proprio dall’aumento dei livelli di colesterolo e dal sovrappeso infantile. Dai dati 2012 rilevati nell’ambito del progetto a cadenza biennale dal Sistema di sorveglianza “Okkio alla SALUTE”, promosso dal Ministero della Salute e dal CCM (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie) si rileva che il 22,1% dei bambini di 8-9 anni è in sovrappeso mentre il 10,6% presenta condizioni di obesità (considerato un campione italiano di 46.492 bambini appartenenti alla classe terza primaria).

Abituare il bambino ad una corretta alimentazione fin dallo svezzamento è importante, per prevenire gravi disturbi quali l’obesità, quando dipende da una dieta errata. Si consiglia quindi una dieta che presenti alti livelli di vitamine e antiossidanti.

Un filo d’olio extravergine di oliva nella pappa del bambino ne stimola l’appetito. Riza.it propone inoltre alcune dosi consigliate (una dose a pasto) per inserire gradualmente l’olio extravergine di oliva nell’alimentazione del bambino ed accompagnarlo così nella sua crescita: 6 mesi: un cucchiaino da tè, 1 anno: un cucchiaio da minestra, 18 mesi: un cucchiaio da minestra ed un cucchiaino da tè, dai 2 anni in su: due cucchiai da minestra.

BioBimbo BioJunior propone una linea di Biscotti di Farro al cacao e alla vaniglia contenenti olio extravergine di oliva, per scoprirli visita il sito.

 

Fonti:

http://www.riza.it/figli-felici/attacchi-di-panico/2612/l-olio-d-oliva-come-il-latte-materno.html

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?menu=notizie&p=dalministero&id=926

 

Tags: ,

Commenti

Le risposte dei nostri lettori.

Non ci sono commenti.

Aggiungi un commento

Scrivici per dirci cosa pensi dell'articolo.

Immagine CAPTCHA
*