Skip to content

10 Errori da Evitare nell’Alimentazione dei Bambini

Cosa sbagliano i genitori nell'educazione alimentare di bimbi e ragazzi

blog-cibi ipercalorici

Bambini che mangiano troppo, bambini malnutriti, in orari sbagliati, che saltano i pasti, che rifiutano certi cibi e vorrebbero mangiare sempre gli stessi? Elenchiamo e approfondiamo alcuni errori tipici nell’alimentazione dei più piccoli:

1) Dieta ipercalorica

2) Dieta iperproteica

3) Dieta monotona

4) Eliminazione della colazione dai pasti principali della giornata

5) Eccesso di snack supercalorici

6) Assenza di pasti condivisi in famiglia

7) Assunzione di quantità eccessive di cibo

8) Assunzione di quantità eccessive di merendine e snack per compensare pasti carenti

9) Spuntini sovrabbondanti post-attività sportiva

10) Orari sballati dei pasti durante la giornata

Un’alimentazione scorretta incide non soltanto sulla salute del bambino oggi ma anche su quella dell’adulto che sarà domani. L’educazione alimentare in famiglia è fondamentale nell’indirizzare il bambino verso una maggiore consapevolezza di ciò che mangia, in modo sano ed equilibrato, adatto alla sua età e ai suoi specifici fabbisogni. I genitori e gli adulti sono i primi a dover dare l’esempio ai più piccoli, le cui scelte e preferenze alimentari dipenderanno, quindi, dall’offerta di cibo ricevuta, dalla sua varietà, dal contesto in cui lo consumano, dall’ambiente e dalle abitudini familiari, ma non dimentichiamo il ruolo che in tutto questo svolgono la scuola e l’educazione scolastica così come quello promosso – è il caso di dirlo – dalla pubblicità.

Ma cosa intendiamo per “sana alimentazione“? Un’alimentazione varia, di qualità ed equilibrata nella quantità di cibo assunto, proporzionata ai consumi energetici di ciascuno nel corso della giornata. La colazione, com’è noto ma non altrettanto praticato, è uno dei pasti principali nella vita di ogni giorno, anche in quella di un bambino. Se il piccolo la salta e si abitua a saltarla, compenserà questa carenza durante il giorno: per esempio, abbuffandosi a pranzo, mangiando meno a cena e tornando a mangiare dopo cena. Il rischio sovrappeso si fa quindi piuttosto alto, non tanto per possibili scelte alimentari sbagliate quanto per l’errata assunzione dei nutrienti rispetto all’uso che ne fa l’organismo nelle ore successive.

Anche la merenda è importante per mantenere in equilibrio i bisogni alimentari del bambino. Attenzione però che il piccolo non pretenda sempre e solo gli stessi cibi: occorre variare anche lo spuntino a metà mattina e metà pomeriggio nell’arco della settimana. Così facendo, qualsiasi errore alimentare compiuto potrà essere “riassorbito” dalle scelte corrette delle merende precedenti e successive. Ancora, se il bambino predilige il “dolce” al “salato” a merenda è possibile accontentarlo a patto che non si perda di vista l’obiettivo “variare l’alimentazione”: ad esempio, alternando alla frutta uno yogurt, alle merendine confezionate (purché di qualità e meglio se provenienti da agricoltura biologica) a dolci fatti in casa. D’estate anche il gelato può rientrare nel capitolo “merenda”, tuttavia se il bambino è in sovrappeso è preferibile virare le sue scelte verso gusti alla frutta, più leggeri e ipocalorici.

Non basta lasciare che il bambino “mangi un po’ quello che vuole”: i bimbi e gli adolescenti hanno bisogno di regole precise, nondimeno in fatto di alimentazione. Il che non si traduce in forzature, imposizioni o ricatti, ma dandogli il buon esempio e la sicurezza che ciò che gli si insegna è giusto. Come abituare i bambini ad alimentarsi correttamente? Coinvolgendoli nella spesa di casa, nell’organizzazione del menù settimanale per tutta la famiglia, avendo cura di alternare ai suoi piatti preferiti quelli di altri membri della famiglia, anche se a loro non piacciono; sollecitandoli a “mettere le mani in pasta” cioè a collaborare nella preparazione delle ricette; garantendo loro un clima sereno e pacifico a tavola, al momento dei pasti, possibilmente da condividere in famiglia.

Fonti: Corriere.it, AlimentazioneBambini E-Coop, Staibene.it, LaStampa.it

Tags: , , ,

Commenti

Le risposte dei nostri lettori.

Non ci sono commenti.

Aggiungi un commento

Scrivici per dirci cosa pensi dell'articolo.

Immagine CAPTCHA
*